Hanami: tradizioni, simboli e usanze

Hanami: tradizioni, simboli e usanze




Manca poco all’arrivo della secolare tradizione giapponese dell’ammirare la fioritura dei ciliegi: hanami. La parola significa letteralmente “ammirare i fiori“, ed è per questo che ogni anno milioni di giapponesi e di turisti stranieri si riuniscono nei parchi e durante i festival dedicati all’evento: per godersi uno spettacolo unico.

hanami

🌸 I sakura come metafora della vita

I sakura, i fiori di ciliegio che di anno in anno sbocciano sugli alberi di tutto il paese, sono diventati uno dei simboli nazionali del Giappone. Apprezzati non solo per la loro bellezza, ma anche per il significato che racchiudono, questi delicati fiori danno il meglio di sé per un breve, brevissimo periodo, offrendo uno spettacolo senza eguali.

Durante la fioritura dei ciliegi, i sakura affollano le chiome degli alberi, l’aria che li circonda è elettrizzante, la loro vista è potente e il loro profumo è inebriante, qualcosa da celebrare, da onorare: un inno alla vita. E se questi fiori, nel loro periodo di fioritura, rappresentano la vita nei suoi momenti più pieni, più belli e gioiosi, allo stesso tempo sono la metafora perfetta della caducità della vita stessa. Dopo una sola settimana, o due, i petali cominciano a staccarsi, a fluttuare seguendo il turbinio del vento, per poi posarsi sulle strade, nei fiumi e sui prati, ricoprendoli di un soffice manto rosato.

⛩️ I sakura rappresentano la vita stessa, la fragilità, la morte, la speranza e il rinnovamento. Questi fiori, nel corso della storia e tradizione giapponese, sono spesso stati associati alle vite dei Samurai, guerrieri del periodo feudale che vivevano secondo il codice morale chiamato bushido (“la via del guerriero”), basato su principi di onore, rispetto e disciplina. Per i Samurai, la morte altro non era che una costante compagna di viaggio, della quale andava accettata l’inevitabilità, senza tuttavia temerla. Un petalo di fiore di ciliegio che si stacca dal suo albero per cadere al suolo, ben rappresenta la breve vita a cui molti Samurai erano destinati.

samurai

🛩️ Nel corso della storia, il fiore di ciliegio è anche diventato il simbolo delle vite spezzate di tutti quei piloti giapponesi che durante la Seconda Guerra Mondiale intraprendevano missioni suicida: sulle fiancate dei loro aeroplani da guerra, c’erano disegnati dei sakura.

aerei da guerra giapponesi

🌸 Tradizioni dell’Hanami: come lo festeggiano i giapponesi oggi?

Oggi il significato racchiuso dai sakura si allontana dalle connotazioni più macabre e distruttive che aveva in passato. Oggi questi meravigliosi fiori ci ricordano di amare la vita, di apprezzarne tutti i colori e i profumi. Ogni anno per milioni di giapponesi l’arrivo della primavera, che coincide con l’inizio del calendario lunare e con l’inizio dell’anno scolastico, porta con sé un senso di rinnovamento e di speranza: quando gli alberi sono carichi di fiori, anche il futuro trabocca di possibilità.

fioritura ciliegi

🍶 L’hanami diventa allora un’occasione di condivisione e di allegria per milioni di famiglie che ogni anno si riuniscono all’ombra di un grande albero di ciliegio, contemplandone la bellezza e allo stesso tempo godendosi la compagnia di amici e parenti, sorseggiando sake (o hanamizake, il sake che si beve mentre si ammirano i sakura), tè e soprattutto… gustando cibo delizioso!

🍡 Esiste un detto giapponese che ben mette in evidenza l’importanza che il cibo assume durante l’evento nazionale dell’Hanami: Hana yori Dango (花より団子), che letteralmente significa “dango anziché fiori“, proprio a sottolineare che, per quanto suggestivo sia ammirare i ciliegi in fiore, riempirsi la pancia di pietanze succulente, in una distesa atmosfera conviviale, è altrettanto importante! (I dango sono dolcetti tipici giapponesi, fatti di farina di riso e riso glutinoso, uno snack molto popolare durante l’hanami).

dango

🍱 Durante l’hanami, infatti, è tradizione organizzare un picnic all’aperto, portando con sé un telo da stendere sul prato bagnato di rugiada, e cibo preparato in casa. Si può acquistare qualcosa da mangiare anche agli stand distribuiti nei parchi più grandi, o prendere quello che viene chiamato, per l’occasione, hanami bento, acquistabile nei supermercati o nei combini (questo di solito contiene un bell’assortimento di pesce e verdure colorate, intagliate artisticamente per ricordare i fiori di ciliegio… ce ne sono così tanti che c’è solo l’imbarazzo della scelta!)

hanami bento

💮Assieme ai colorati dango, tra le varie prelibatezze dell’Hanami ci sono anche i Sakura Mochi, piccoli mochi ripieni di pasta di fagioli rossi, avvolti in una foglia di ciliegio salata.

sakura mochi

🍣 Oltre ai tipici dolcetti, non mancano carne grigliata (portata da casa o, se possibile, da cucinare sul posto) o fritta (usando, ad esempio, la tecnica detta karaage), tamagoyaki (una specie di omelette arrotolata su se stessa, con zucchero e salsa di soia), onigiri, sushi, sushi cakeinarizushi (riso avvolto in tofu fritto), futomaki, takoyaki (polpettine ripiene di polpo e zenzero rosso) e zuppa di miso.

sushi

 Consigli per organizzare un picnic hanami

Prima di organizzare una festicciola a tema hanami, è bene informarsi se ci sia o meno la possibilità di organizzare picnic nel parco o nella località scelti (magari consultando il sito web o i segnali sul luogo), poiché non dappertutto è permesso farlo. Inoltre, data la popolarità dell’evento e la grande quantità di persone che attrae, è consigliabile assicurarsi un posto all’ombra di qualche bel ciliegio molto presto in mattinata, ricordando di portare con sé un telo (su cui è buona norma salire e sedersi solo dopo aver tolto le scarpe), un sacchetto per i rifiuti, e vestiti caldi, poiché le temperature in quel periodo non sono ancora molto alte.

parco ciliegi picnic
A parte tutto ciò descritto qui sopra, le cose davvero importanti da portare con voi quando festeggerete l’hanami sono tanto cibo e tanti amici!

Allora, ci avete fatto un pensierino per questo hanami 2018? Non aspettate, prenotate subito!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *